Red

Posted by Miss Cici on martedì 12 novembre 2013. Filed under: ,
6 Comments

Li abbiamo provati tutti. O quasi.
Con esiti più o meno disastrosi.
Alcuni proprio non facevano per noi, ma ne conserviamo un buon ricordo.
Altri hanno lasciato un segno, una cicatrice, un grande “Mai più”.

Abbiamo ceduto all’irruenza del giallo, esuberante ed egocentrico.
Abbiamo goduto con lui dei giorni di sole e delle serate elettriche.
Abbiamo pensato che facesse per noi. Per lo meno in quella stagione della nostra vita.
E ora quel pantalone giallo fluo riposa nell’armadio.
Un’allegra leggerezza a cui pensare quando si cerca un sorriso.

C’è stato un tempo in cui la profondità del blu ci ha stregato.
Abbiamo creduto che fosse quello per sempre. Quello per tutta la vita.
Nelle sue profondità ci siamo perse, e abbiamo immaginato su di lui scintillii di luce e pennellate di colore, che regalassero un sorriso a quel profondo mare tormentato.
Si, il blu è decisamente il mio colore. L’ho pensato.
Ma poi ho capito che nemmeno lui era quello per me. Per me che ho bisogno che qualcuno mi illumini e stravolga la vita.
Rimarrà sempre con me, il mio migliore amico, la mia famiglia. Sarà la mia pace e la mia serenità sempre.
Ma l'amore è tutt'altro che pace e serenità. Purtroppo.

Ho avuto un grande amore per il verde.
E sebbene tra i miei abiti non ne sia più rimasta traccia, lui sarà con me per sempre.

Ci sono stati dei grigi. Canna di fucile, fumo di Londra, antracite, perla…
Nonostante tutte le loro sfumature, non mi sono mai rimasti nel cuore. E nell’armadio.

L'arancio mi ha illuso.
E poi mi ha deluso.
Pensavo fosse quello giusto. La giusta tonalità da dare alla mia vita e ai miei accessori.
Mi sbagliavo.
E ora voglio dimenticarlo. Come ho dimenticato quel rossetto arancione di MAC che sul mio viso sbatte troppo e non mi rende giustizia.
L'arancio è un colore ingiusto.
Sembra quasi un rosso, ma non lo è. Non ha il coraggio di esserlo.

E allora troverete banale associare il rosso all'Amore.
Ma è quello che auguro di cuore a voi e a me stessa.
Di trovare il nostro rosso. Quello che ci colorerà la vita e il guardaroba.



Quelli che... "Vediamo come va..."

Posted by Miss Cici on venerdì 4 ottobre 2013. Filed under:
10 Comments


Quando ero bambina, in quanto figlia di genitori lavoratori, avevo una tata.
Non una tata qualunque.
Una tata strepitosa! Una tata che io adoravo e che mi adorava.
Poi un giorno la mia tata ha avuto dei bambini suoi e, giustamente, mi ha lasciato per un po'.
Al suo posto è arrivata un'altra tata.
Non una tata qualunque.
Una tata terribile!
Io non dovevo esserle particolarmente simpatica, e da parte mia la detestavo con tutto il cuore.
Mossi le mie rimostranze a mia madre che mi disse: "Vediamo come va..."
E io, bambina ingenua e futura romantica patologica, ho scambiato quel "Vediamo come va" per il preludio a giorni di gioco e gaudio.
Mi illusi che dovevo solo aspettare ed essere paziente e lei si sarebbe tramutata dall'oggi al domani in Mary Poppins.
Fu, invece, un disastro.
Da mite bambina qual'ero, mi tramutai in Hannibal Lecter e intrapresi una vera e propria guerra contro l'intrusa, che si concluse con uno zoccolo del Dr Scholl piantato sul naso di costei. Con conseguenze disastrose per la sottoscritta.
Posso dire in mia discolpa che lei, invece di giocare con me, se la dormiva nel letto dei miei genitori.
Ovviamente, persi la guerra. La tata non divenne mai Mary Poppins e io fui costretta a sopportarla finché la mia tata, l'altra, quella bella e che amavo, non tornò da me.

Crescendo, ahimè, non sono cambiata.
Non ho mai più tirato zoccoli del Dr Scholl sulla faccia della gente, ma ho continuato a farmi abbindolare dalle lusinghe del "Vediamo come va".
Va da sè che non sto più parlando di tate.
Sto parlando di Maschi.
Nella fattispecie di quelli che "Vediamo come va".
A 34 anni, come a 5, ho continuato a credere che era solo questione di tempo e che alla fine, dopo sofferenze e sacrifici, dopo amare cucchiaiate di bile, dopo aver messo orgoglio e dignità laddove normalmente si ripongono i vestiti degli anni '90 di cui ci vergogniamo, io e il Lui di turno saremmo andati a passeggiare mano nella mano nell'Olimpo delle Coppie Felici.
No.
Sbagliato.
Nein.
"Vediamo come va" vuol dire sempre e solo una cosa: non si va da nessuna parte.
Da nessuna, tranne una: Affanculo.
Ma lì è bene che ci vada lui. Da solo. Ricordatevelo.
Perché quando uno ti dice "Vediamo come va" ti sta trattando come quella maglia che trovi ai saldi, che non ti convince fino in fondo, ma che comunque compri, perché tutto sommato costa poco e, male che va, la butti.
Quando ti dice "Vediamo come va" ti sta trattando alla stregua di quella canzone che solitamente usi come sottofondo quando svolgi qualcosa che richiede concentrazione. Una musica carina, gradevole, ma non abbastanza da distogliere la tua attenzione dalle cose veramente importanti. Non certo una di quelle canzoni che quando le senti devi fermarti e ascoltarle, qualunque cosa tu stia facendo.
Se decidi che ti sta bene lo stesso, se anche tu credi in Mary Poppins, bene amica mia, preparati.
Preparati, perché sarai sempre il messaggio a cui risponderà più tardi. Se si ricorderà di rispondere.
Sarai l'appuntamento di cui si ricorderà mentre guarda la partita con gli amici e tu, invece, sei a casa truccata, che dondoli nervosamente un tacco, fumi come un turco e non vuoi ammettere che, ebbene si, ti ha dato buca.
Sarai quella che ha imparato a memoria abili giochi di parole e arguti periodi grammaticali per spiegare alle tue scettiche amiche che, sì, lui ha detto che non è pronto e quindi "Vediamo come va", ma è chiaro che è solo un cucciolo impaurito. Quanto può esserlo un cucciolo di Boa Constrictor.
Sarai quella che non prende impegni per i prossimi 6 mesi nella remota eventualità in cui lui, sotto l'effetto di sostanze psicotrope, si ricordi della tua esistenza e ti chiami. Con il nome di un'altra.

Se sei disposta ad accettare tutto ciò, in nome di un sogno che difficilmente si realizzerà, sappi allora che ti tramuterai anche tu, come me bambina, in Hannibal Lecter.
E come lui fiuterai l'aria e annuserai le sue maglie in cerca di scie di profumi che non sono il tuo.
Indirrai sedute di gruppo con le tue amiche per sviscerare tutti i possibili significati che un sms può nascondere.
Noterai che oggi porta la stessa maglia di ieri, e dunque non ha dormito a casa e dunque dove ha dormito?
Controllerai compulsivamente Whatsapp e il tuo iPhone sarà perennemente scarico a causa dell'uso smodato di Facebook e Instagram.
Tutto questo perché non vuoi arrenderti e ammettere che la verità è una e una sola.

La verità è che quando ti dice "Vediamo come va", vuol dire che con te non vuole andare da nessuna parte. Tu non sei quella con cui andare, sei quella con cui restare fermi in un posto, in attesa che lui scopra dove vuole andare veramente e con chi.
Perché quando sai dove e con chi, lo prendi per mano, ben saldo, e lo porti via con te, prima che qualcuno lo faccia al posto tuo.
Se non hai paura che la sua mano finisca in quella di qualcun altro, vuol dire che quella mano non l'hai mai voluta nelle tue.

Quindi, in quel posto lascia che ci vada da solo.
Tu resta dove sei.
E lanciagli uno zoccolo del Dr Scholl in testa.

Se anche tu mi tradisci...

Posted by Miss Cici on giovedì 3 ottobre 2013. Filed under: , ,
2 Comments


Ci sono uomini che lo sai che ti tradiranno.
Lo capisci dal luccichio nel loro sguardo, quel luccichio che ci fa cadere ai loro piedi pur sapendo che andrà a finire male. 

E poi ci sono quelli che siamo certe non ci tradiranno mai.
Nostro padre, il nostro amico del cuore, Babbo Natale e Marc Jacobs.

Si, Marc, sto parlando con te. Ancora una volta con te.
Un'altra lettera per te. Per te che mai hai risposto...
Per te che mi hai spezzato il cuore.
Che mi hai tradito. Hai tradito me che mai avrei tradito te.
E lo sai che di quella Falabella mi sono pentita subito, su!
Ero a Bolzano, avevo bevuto troppo vin brulé e non so cosa mi è preso... E' stato un momento di debolezza!
Ma niente a che vedere con quello che mi hai fatto tu.
Perché io di certezze nella vita ne ho ben poche e "Marc Jacobs Louis Vuitton's Creative Director" era una di quelle.
E tu, essere algido e bellissimo, di rosa vestito, l'hai fatta a pezzi.
Non guarderò mai più la mia Speedy con gli stessi occhi.
Ogni volta che l'avrò al braccio penserò a te che ci hai lasciate sole. Sole e abbandonate.

E ora dimmi: io che dovrei fare?
Proprio ora che stavo mettendo da parte i soldini per la SC bag...
Spero che Sofia ti abbia tolto il saluto.
Anzi ora mi spiego 'sto "Bling Ring"... Doveva essere sotto shock, poverella.

E ora io cosa compro? Una borsa disegnata da Ghesquiere? Che ieri lo dicevo a un mio amico e mi ha risposto "Chi???"
Posso comprare la borsa disegnata da uno il cui nome ricorda un formaggio svizzero?
"Mi dia quella Vuitton e un etto di Ghesquiere, grazie."

Io pensavo che tra noi sarebbe stato per sempre.
Ma a quanto pare il tuo "per sempre" dura 16 anni.

Mi dispiace, l'hai voluto tu: vado da Givenchy.

Ma ti ricorderò per sempre così...



I libri della mia estate

Posted by Miss Cici Filed under:
4 Comments



I fuochi di Valyria, George R.R. Martin
Che dire che io non abbia già detto?
Che il brodo si sta eccessivamente allungando?
Che tra l'uno e l'altro il buon George fa passare decisamente troppo tempo e io mi dimentico cos'è successo nelle puntate precedenti e devo ricorrere al prezioso aiuto di Wikipedia?
George, basta giocare a "Dungeons & Dragons", datti una mossa e concludi 'sta saga!
E smettila con le tue minacce del tipo "Ogni volta che qualcuno mi chiede quando uscirà un nuovo libro, uno Stark muore".
Sei crudele.
Per tutti coloro che si sintonizzano oggi per la prima volta su questo blog consiglio di attendere il 2020 quando, forse, questa bellissima saga sarà conclusa e allora comprate tutti i 17 libri insieme. Che altrimenti è una tortura.

Warm Bodies, Isaac Marion
A me non piacciono gli zombie. Non ho mai provato simpatia per questi esseri ciondolanti incapaci di articolare frasi di senso compiuto.
Ho letto il libro perché non sono riuscita a vedere il film. E il film lo volevo vedere perché il protagonista mi piace assai. Lo confesso e non me ne vergogno.
Spero che il film sia meglio del libro, perché il libro m'è parso ciondolante esattamente come i suoi protagonisti. Le frasi, però, son di senso compiuto. Almeno quello.

La trilogia delle gemme: Red, Blue, Green - Kerstin Gier
Avessi avuto 16 anni avrei letto "La Trilogia delle gemme" in 48 ore e ne sarei rimasta folgorata. Di anni ne ho 33, 34 tra una settimana, e la suddetta trilogia l'ho letta in 48 ore, ma non mi ha folgorata. A tutte voi sedicenni in ascolto: leggetela!
E voi trentatreenni, quasi 34, leggetela lo stesso. Che mandare in vacanza i neuroni fa sempre bene.

L'amore folle, Françoise Hardy
Letto in un momento di sconforto. Non ha aiutato.
Io spero che l'amica che me l'ha consigliato non mi veda veramente ridotta in tal stato.
Tuttavia, un bel libro. Un po' lento, un po' deprimente.
Io voglio continuare a credere che l'amore non sia questo.
Per me l'amore continua a essere una Folle Risata. Mai un Pianto Folle.
Diversamente per me non è amore. E' sofferenza.

Exit, Alicia Gimenez-Bartlett
Geniale.
Geniale lei, geniale il libro.
Il vincitore dell'estate è lui.
Personaggi in cerca della via d'uscita. Per uscire da questo mondo, da questa vita, dalle regole sociali, dalla noia, dalla difficoltà dei sentimenti.
Ma non un'uscita qualunque.
Io vorrei uscire come Jane Austen.
Giovane e dopo aver scritto "Orgoglio e Pregiudizio".

Dance Dance Dance, Murakami Haruki
Un amico mi ha chiesto di cosa parlava questo libro. Non ho saputo rispondere.
Come sempre quando si tratta di un libro di Murakami.
Riesco solo a dire "Leggilo. Ne vale la pena."
Di fatto è la storia di uno scrittore freelance che s'imbarca nella ricerca di un amore perduto e nel viaggio incontra un amico degli anni passati, oggi attore bello e di successo, in una tredicenne bellissima, sola al mondo, amante del rock.
In verità Murakami solo sa cosa vuole davvero dirci.
Lui non dice nulla di reale, affinché noi possiamo trovare il nostro Vero.
Quando il solo Vero è:
"Danzare" rispose "Continuare a danzare, finchè ci sarà musica. Capisci quello che ti sto dicendo? Devi danzare. Danzare senza mai fermarti. Non devi chiederti perchè. Non devi pensare a cosa significa. Il significato non importa, non c'entra. Se ti metti a pensare a queste cose, i tuoi piedi si bloccheranno. E una volta che saranno bloccati, io non potrò più fare niente per te. Tutti i tuoi collegamenti si interromperanno. Finiranno per sempre. E tu potrai vivere solo in questo mondo. Ne sarai progressivamente risucchiato. Perciò i tuoi piedi non dovranno mai fermarsi. Anche se quello che fai può sembrarti stupido, non pensarci. Un passo dopo l'altro, continua a danzare. E tutto ciò che era irrigidito e bloccato piano piano comincerà a sciogliersi. Per certe cose non è ancora troppo tardi. I mezzi che hai, usali tutti. Fai del tuo meglio. Non devi avere paura di nulla. Adesso sei stanco. Stanco e spaventato. Capita a tutti. Ti sembra sbagliato. Per questo i tuoi piedi si bloccano". (Dance Dance Dance - Haruki Murakami)

La verità sul caso Harry Quebert, Joel Dicker
Il caso letterario degli ultimi mesi si lascia indubbiamente leggere con estrema facilità e piacevolezza.
E ha anche il pregio di inchiodarti perché Tu DEVI sapere come va a finire.
La cosa che mi ha un po' infastidito sono i colpi di scena fin troppo studiati, piazzati lì proprio quando stavo per defenestrare la mole di pagine.
E il finale. Un finale studiato apposta per far sì che nessuno ci arrivi.
Guarda, Joel, che non c'è nulla di male se qualcuno intuisce chi è l'assassino.

Buone vacanze!

Posted by Miss Cici on venerdì 2 agosto 2013. Filed under:
5 Comments

In effetti è passato così tanto tempo dall'ultima volta che ho scritto da queste parti che si potrebbe pensare io sia in vacanza da allora.
Niente di più sbagliato.
E' semmai vero il contrario.

Da domani, invece, sarò in vacanza.
In valigia ci sono costumi, libri e desideri. E il buon proposito di scrivere di più. Che ormai lo porto in giro da un po', e prima o poi ci riuscirò.

Buone vacanze a tutti!


Il libro del mese: Maggio

Posted by Miss Cici on lunedì 10 giugno 2013. Filed under:
2 Comments


Una certa idea di mondo, Alessandro Baricco
Non amo Baricco, ma amo i libri che parlano di libri. E leggendo questo ho scoperto che amo Baricco che scrive di libri.
Utile per chi è in cerca di spunti per la prossima lettura.

Se mi chiami mollo tutto... però chiamami, Albert Espinosa
Come resistere a siffatto titolo?
Come resistere a una quarta di copertina che recita: "Dedicato a tutti quelli che hanno ancora voglia di essere diversi"?
Il contenuto di questo mirabile pacchetto si è rivelato leggermente inferiore alle promesse, ma pur sempre una lettura gradevole e condita con la giusta dose di ironia.
Dani è un investigatore privato specializzato nel ritrovare bambini scomparsi che, in un momento particolarmente difficile della sua vita, si trova a ripercorrere la sua storia: l'infanzia solitaria e il primo viaggio a Capri, quando un faro gli indicò la "direzione" giusta. Ormai adulto, di nuovo solo e con un grande amore alle spalle, Dani tornerà a Capri in cerca di un bambino. Il faro, lo stesso di anni prima, lo aiuterà a ritrovare più d'uno: quello scomparso, quello che era stato e quello che aveva dimenticato.

Lettera d'amore alla Scozia, Alexander McCall Smith
Alexander McCall Smith è sempre una lettura educata e garbata. Piacevole come il tè delle cinque in tazze di porcellana cinese.
E' un vecchio amico che ritrovi sempre con piacere una volta l'anno durante le feste.
Ti siedi su un divanetto e lo ascolti parlare della sua Edimburgo e dei suoi abitanti. Sono sempre persone carine e dalle buone maniere. Qualcuno un po' eccentrico, ma mai al punto da risultare fastidioso. Simpatico, ma mai così tanto da strapparti una risata chiassosa.
Così è questo libro: gradevole ed educato. Quasi che scrivere un capolavoro sarebbe sembrata una pacchianata di cattivo gusto.

Un classico al mese: Maggio

Posted by Miss Cici on martedì 21 maggio 2013. Filed under:
5 Comments


Le notti bianche, Fedor M. Dostoevskij
Che cos'è un sognatore?
Un sognatore è il protagonista di questo delicato, bellissimo romanzo di Dostoevskij.
Un uomo solitario che passeggia nelle notti bianche di Pietroburgo, quelle notti che sembrano durare un giorno.
Durante una di queste passeggiate incontrerà l'amore sognato che lo farà sognare, ed egli sognerà di essere amato. D'altronde non è proprio l'amore il protagonista ricorrente dei sogni di un sognatore?
E cosa accade quando arriva il mattino a destare l'anima dai sogni? Che ne è di loro quando la luce del giorno viene a smascherarli?
Accade che il sognatore dovrà affrontare la realtà. E sappiamo già chi sarà il vinto e chi il vincitore.

Belli e dannati, Francis Scott Fitzgerald
Il mio secondo tentativo con Fitzgerald è andato meglio del precedente.
Bene, ma non benissimo.
"Belli e dannati" precede cronologicamente "Il grande Gatsby" per stesura e ambientazione (siamo negli anni tra il 1913 e il 1921), ma la scena che si apre davanti a noi sembra essere quasi la stessa.
Siamo, anche questa volta, a New York. I suoi grandi alberghi, le sale da ballo sontuose, le luci della Quinta, sembrano presagire lo scintillio che ci accoglierà nella monumentale villa di Gatsby. L'ambra dorata del wisky, le bollicine scoppiettanti nei calici, il tintinnare dei cristalli precedono il cupo Proibizionismo, quando tutto diventa un sussurro. 
I giovani protagonisti, i "belli e dannati" del titolo, ricchi, apatici, senza aspirazioni, privi di interesse verso il presente e il futuro, sono i predecessori delle Daisy e dei Tom che troveremo ad annoiarsi nel romanzo successivo.
Impossibile trovare il lato positivo in questa storia, persino più amara di quella Fitzgerald scriverà qualche anno dopo.
Ho trovato questo libro spiegato meglio de "Il grande Gatsby", dove invece ho avuto un po' l'impressione che lo scrittore di tanto in tanto mi dicesse "Bene, grosso modo la storia è questa. Il resto puoi capirlo da sola".
No, mi spiace, non lo capisco. E' un mio limite, ne sono certa, ma ho bisogno che le cose mi vengano spiegate.
In "Belli e Dannati" qualcuno si prende la briga di spiegarmele più dettagliatamente.
Fin troppo, grazie. Limitata sì, ma non così tanto. 
E il seguire le elucubrazioni mentali su Niente dei protagonisti ha messo a dura prova la mia pazienza. Ma ce l'ho fatta e ne vado fiera.
Stavo pensando di leggere "Tenera è la notte", ma ho paura che Francis e io non siamo esattamente sulla stessa lunghezza d'onda.
Di sicuro dobbiamo prenderci una pausa.

L'italiano ovvero il confessionale dei penitenti neri, Ann Radcliffe
Ho sempre avuto la curiosità di leggere un libro della Radcliffe, scrittrice tanto amata dalla mia adorata Jane Austen.
Ann fu la pioniera del romanzo gotico e ispiratrice di grandi scrittori quali Dickens, Mary Shelley, Thackeray, Charlotte Bronte, Daphne du Murier e, come già detto, Jane Austen.
Tutta gente che occupa una buona percentuale della mia libreria.
Era dunque ora che io leggessi qualcosa di questa donna, senza la quale chissà cosa avrei letto io in adolescenza.
L'italiano è, nelle intenzioni della sua scrittrice, un romanzo dalle tinte fosche e paurose. Ci sono monasteri abbandonati, misteriosi frati incappucciati, assassini privi di scrupoli, suore dall'animo sterile e corrotto, riccastri cattivi e innamorati perseguitati.
Voleva farci paura Ann, e magari all'epoca ci riusciva anche.
Oggi proviamo un senso di tenerezza davanti a questo "neonato" romanzo gotico. Un po' come davanti a un cucciolo di beagle che prova a far la voce grossa.
Ribadisco, probabilmente le giovinette ottocentesche erano scosse da brividi di terrore leggendo le pagine della signora Radcliffe, ma noi giovinette del 2013, abituate agli orrori quotidiani dei nostri giornali e telegiornali, rimaniamo impassibili davanti all'amore ostacolato di Elena e Vincenzo.
Ho provato a mettermi nei panni di una fanciulla ottocentesca, ma proprio non ci sono riuscita. Scusate.
In più questo libro della Radcliffe mi ha ricordato troppo I promessi sposi perché io potessi amarlo fino in fondo.
Però, sulla fiducia io promuovo Ann.
Io non posso capirlo, ma voglio credere che nel 1797 una ragazzina inglese rimase terrorizzata da L'italiano, come lo rimasi io nel 1997 leggendo It di Stephen King.

Un classico al mese: Aprile

Posted by Miss Cici on venerdì 10 maggio 2013. Filed under:
5 Comments


So che sono in ritardo.
E mi sento in colpa, sappiatelo.
Ma ora mi sono messa d'impegno e intendo leggere entro Dicembre 2013 ben 12 classici come promesso mesi or sono.
Abbiate fiducia.

"Il grande Gatsby" Francis Scott Fitzgerald
Allora, io ve lo dico subito, voi non potete immaginare quanto io desideri potervi dire che a me "Il grande Gatsby" è piaciuto da matti.
Io ve lo giuro che ho iniziato a leggerlo pregustando già una recensione adorante in cui vi avrei raccontato come mi fossi stracciata le vesti dall'emozione pagina dopo pagina.
Ma io non riesco a mentire.
E, quindi, devo confessare che a me "Il grande Gatsby" ha fatto l'effetto di un bicchiere di acqua tonica durante un aperitivo: non mi fa accaponare la pelle dal disgusto, ma la prossima volta ordinerò un Martini rosso.
Ma sentitevi pur liberi di dirmi che io non capisco.
In effetti, è quello che ho pensato anche io quando sono arrivata all'ultima pagina.

Bella New York negli anni '20, si sa. Belli sono lo scintillio delle feste di Gatsby, gli abiti delle fanciulle, le luci, la musica, le grandi macchine rombanti.
Tutto è ricoperto di un luccicante strato di vernice sotto cui, però, intravediamo lo sporco. Guardando bene, lì dove la vernice è un po' saltata, fanno capolino le bische clandestine, gli alcolici venduti sotto banco e i pied-à-terre testimoni di amori marci. Ma a Fitzgerald tutto questo piace ancor più dei fasti e dello scintillio. Per quanto provi a fare la morale, si sente che lui è uno che in quello sporco ci sguazza. In quello sporco dove troviamo le persone vere, quelle che vivono veramente, amano veramente, soffrono veramente.
Una verità che nessuna vernice di questo mondo potrà mai coprire.
E chi non la vuole vedere, può solo far spallucce e voltarsi dall'altra parte.

Tutto molto bello, ve l'ho detto.
Ma senza anima.
Il prossimo mese, però, sceglierò un Dostoevskji. Sorseggiando Martini rosso.


Il libro del mese: Aprile

Posted by Miss Cici Filed under:
5 Comments



Tacco 12. Vademecum dello stiletto style per donne sempre all'altezza, Veronica Benini
Non l'avete letto? Davvero???
Quindi, voi non sapete come scegliere un paio di scarpe, come camminare su un tacco degno di questo nome, come mettere un rossetto effetto "levres mordues" e come fare la valigia intelligente?
E ignorate bellamente cosa sia un cambrione, chi l'ha inventato e perché.
E come fate a vivere lì fuori? 
Non fate come me, che fino a ieri brancolavo nelle tenebre.
Leggete il libro della Spora. O come minimo il suo blog.

Il nostro tragico universo, Scarlett Thomas
Io da grande voglio fare Scarlett Thomas.
Voglio fare quella che scrive libri geniali. Libri che ogni tanto ho bisogno del vocabolario per capire cosa sto leggendo.
Perché io non lo sapevo mica che cos'era un'apofenia.
Dicesi apofenia l'immotivata visione di connessioni laddove non ve ne sono. Il percepire e riconoscere collegamenti significativi tra eventi assolutamente casuali e indipenti.
Io sono la Maestra dell'apofenia. Sono 33 anni che mi esercito, sfiorando ormai quasi la perfezione, e non ne avevo alcuna idea.
Grazie Scarlett per avermi illuminato ancora una volta.
Quando il prossimo ragazzo con cui uscirò mi chiederà quali sono i miei hobby, io butterò lì l'apofenia come nulla fosse.
Che se devono scappare a gambe levate, che abbiano almeno un valido motivo.
Quindi, come vi dicevo, io da grande voglio fare Scarlett Thomas.
Una che nella stessa frase infila fisica quantistica, new age e lupi giganti con la stessa noncurante disinvoltura con cui io spiego alle mie amiche perché ho deciso che quest'anno mi piacciono il verde militare, le gonne lunghe e le àncore.
Anch'io da grande voglio scrivere questi libri. Libri che ogni tanto mi fan venire voglia di fare uno schemino o di chiedere l'aiuto da casa. Perché io lo sento che lei mi sta dicendo qualcosa; lei deve star per forza dicendomi qualcosa e sono io, mente semplice, che non la capisco.
E allora devo arrivare fino alla fine del libro, perché ardo dal desiderio di conoscere il nesso tra la metanarrativa e la fine dell'universo. Passando, che ve lo dico a fare, per le fate dei boschi e le navi nelle bottiglie. Chiaro, no?
E quando arrivo alla fine scopro che, ovviamente, non c'è alcun nesso.
E nonostante tutto non la odio e non voglio defenestrare la sua opera.
Questa è classe, signori.
E io da grande voglio fare Scarlett Thomas e prendere tutti per i fondelli, come lei fa con me.

Fai bei sogni, Massimo Gramellini
Molto carino.
Una storia che potrebbe, dovrebbe, essere triste ma alla fine non lo è.
Perché lui è bravo.
E se non fosse che da grande voglio già essere Scarlett Thomas, farei un pensierino sull'essere Gramellini. O almeno sullo scrivere come lui.

Il libro nero dell'Inquisizione, Matteo D'Amico e Natale Benazzi
Per fortuna questo libro è stato scritto oggi.
Perché se fosse stato scritto quando l'Inquisizione imperversava e torturava dei poverini, rei solo di essere "diversi", sarebbe stato certamente usato come strumento di tortura.
Non per percuotere sul capo i malcapitati, no.
Sarebbe bastato leggerne un capitolo allo sventurato e costui, pur di metter fine alla sofferenza, alla noia e all'accidia, avrebbe confessato crimini mai commessi, Sabba al chiaro di luna e transoceaniche a bordo di scope di saggina.

Girls Night Out

Posted by Miss Cici on venerdì 22 marzo 2013. Filed under:
7 Comments

Capita una volta ogni 2 anni, ma per fortuna capita.
Capita che dopo mesi a cercare di incrociare le agende, finalmente si trova la data perfetta, si sceglie la città e si prenotano i treni.
E pazienza se la data è parsa perfetta anche per uno sciopero dei trasporti.
Non basterà così poco per mandare tutto all'aria.
Non rimane, quindi, che sfoderare le valigie, affilare i tacchi, e rispolverare le ciglia finte. Sperando che la colla tenga ancora. Che trovarsele come decorazione nel piatto non è mai bello.
Steso lo smalto del rosso giusto, si passa al colore dell'abito, della borsa e del rossetto.
Che tutto si abbini perfettamente. Soprattutto al nostro umore. Che è brillante.
E finalmente siamo pronte.
Che il nostro weekend tra ragazze abbia inizio!







Pictures via Pinterest

A tutti gli uomini della mia vita

Posted by Miss Cici on martedì 19 marzo 2013.
5 Comments

A te, che quando ti guardo vedo i miei occhi e il mio sorriso. E lo stesso carattere. Perché se a questo mondo c'è qualcuno che ha fatto qualcosa a sua immagine e somiglianza, quello sei tu. Che hai fatto me.
E io non vorrei somigliare a nessun altro.
A te che oltre all'educazione, mi hai insegnato l'eleganza e l'amore per il bello.
Che mi hai insegnato il rispetto per me stessa e quello per gli altri, così come a inventare favole e a scattare fotografie.
Che mi hai fatto amare l'Inghilterra, perché quel posto per me parlerà sempre di te.
Come New York parlerà sempre di noi.
A te che mi hai spiegato che devo ridere e sorridere sempre.
E che sei la ragione di tanti miei sorrisi.
Grazie, papà.

A voi due, che siete la mia infanzia, quell'epoca dorata in cui eravate i miei eroi, anche quando: "Tu non puoi giocare perché sei femmina"
Lo siete ancora oggi, che finalmente sono stata ammessa ai "giochi".
Siamo diventati grandi, giochiamo un po' di meno, ma quando siamo noi tre insieme, non c'è tempo che passi o distanza che ci separi, noi torniamo a giocare e a divertirci.
Grazie, "fratellini" miei. Siete i migliori compagni di giochi che una bambina possa desiderare.
E sarete i migliori papà che riesca a immaginare. 

A te che per me aggiustavi le stelle nel cielo.
Che mi compravi i giocattoli da maschio, così che io potessi venir ammessa nel "giro".
Che la prima lingua che ho imparato, dopo l'italiano, è stata il siciliano e non l'inglese.
A te che mi dicevi che ero "bellina".
Grazie, nonno.

Buona festa del papà a tutti quegli uomini che hanno reso speciale la vita di una donna, come i miei lo hanno fatto con la mia.






New York. Io riparto da qui.

Posted by Miss Cici on lunedì 18 marzo 2013. Filed under: , , ,
2 Comments

Ho iniziato il 2013 a New York, atterrando sulla Grande Mela durante una bufera di neve, trovando rifugio in un gelido appartamento dell'Upper West Side, con i termosifoni rotti e un caminetto finto che non funzionava.
Abbiamo fatto colazione con i nostri Moncler addosso e dormito avvolti in svariati strati di felpe.
Ma fuori da quella casa abbiamo trovato ad accoglierci il calore di New York.

New York, love me!

Red Velvet Cupcake
E il sapore dolce ed aspro di un Velvet Cupcake, seduti a un tavolo del MET.

The Lonely Berry
La neve che fiocca su Central Park, gli scoiattoli che ti corrono incontro (o inseguono, come nel mio caso) e una solitaria bacca rossa tra i rovi gelati.

Chrysler & Fagiolini
L'argento del Chrysler Building e il verde dei "Fagiolini".

Marble Collegiate Church - NYC
I colori della speranza. Speranza di riabbracciare chi amiamo. Speranza di un mondo senza guerra.

Flatiron
Il tramonto sul Flatiron.

Empire State of Mind
E la notte sull'Empire.

New Year's Eve Confettis
Una pioggia di coriandoli per festeggiare il nuovo anno.

Confettis in my bag
Coriandoli che il giorno dopo scopri essersi infiltrati nella tua borsa.

The day after...
Il nuovo anno è iniziato così, a New York: coriandoli sul letto, pasticche effervescenti in borsa e, sopratutto, la voglia di ricominciare nel cuore.

Sisters

Posted by Miss Cici on venerdì 15 marzo 2013. Filed under: , , ,
3 Comments

Sarà perché io una sorella non l'ho mai avuta, ma l'ho sempre desiderata.
Sarà perché, ironia della sorte, son cresciuta con due maschi, gemelli, più grandi di me. Li amo ma, credetemi, è stata una faticaccia.
Sarà perché, quando ho trovato l'amicizia, quella vera, quella profonda, quella per sempre, neanche a dirlo, era un ragazzo. Il mio migliore amico è un ragazzo, si.
Sarà che lì fuori è una giungla. Soprattutto se hai 30 anni e sei single.
Che a parte il tuo migliore amico ti sembra che tutti gli altri siano da buttare.
Che pare lui sia il solo immune a una strana malattia che induce gli uomini a sparire, riapparire, giurare che non spariranno più, per poi sparire di nuovo.
Il solo che sappia a cosa serva un cellulare e lo usi a tal scopo: telefonare, mandare messaggi, rispondere alle tue telefonate e ai tuoi messaggi.
In verità, però, non è il solo. Ci sono le tue sorelle.
Perché in questo ginepraio di sparizioni, giocolieri, messaggi che finiscono in buchi neri, qualcuno si è messo una mano sulla coscienza e ti ha mandato delle sorelle.
Proprio quelle che da piccola tanto hai desiderato.
Quelle che non ti diranno mai che non puoi giocare perché sei femmina. Perché loro ti inciteranno a Fare la femmina. Ancora di più. Perché non è mai abbastanza.
Quelle che mentre stai scrivendo loro un messaggio ti battono sul tempo e ti scrivono. In genere, la stessa cosa che tu stavi scrivendo loro.
Quelle che se arredate le rispettive case a 1.000 km di distanza, sceglierete gli stessi mobili senza saperlo. Perché la casa dei sogni l'avete sognata insieme per anni.
Quelle che il giorno del loro matrimonio il bouquet non lo lanciano, ma lo porgono a te con un sorriso. Che se mi fossi sposata io, avrei fatto lo stesso con lei.
Quelle che sono lontane, ma ti sembra di vederle tutti i giorni. Perché ogni giorno un tuo pensiero è per loro.
Quelle che sono vicine, ma è talmente tanta la voglia di vederle negli occhi, che sembrano lontanissime. Finché non le vedi. E allora sei più felice.
Alle mie sorelle, e a chi le ha messe sulla mia strada, un grazie di cuore.
Voi avete dato alla mia vita un sapore al "Carrie".